La vostra salute

Ernährung

1° pilastro: alimentazione

Acqua: elisir di vita essenziale

Non per nulla nella piramide della Società svizzera per l’alimentazione il principale livello quantitativo è l’apporto di liquidi.

Perché i liquidi in generale e l’acqua in particolare sono così importanti?

  • L’acqua è essenziale per l’organismo.
  • L’acqua costituisce oltre il 60 percento del nostro peso corporeo.
  • L’acqua è necessaria a tutte le funzioni dell’organismo, come ad esempio la digestione, l’assimilazione, il trasporto e il metabolismo delle sostanze nutritive.
  • L’acqua è un aspetto centrale per l’equilibrio degli elettroliti nell’organismo.

Inoltre:

  • l’acqua è indispensabile per prevenire la disidratazione;
  • l’acqua non contiene calorie;
  • l’acqua può aiutare a ridurre lo stimolo della fame, contribuendo alla perdita di peso;
  • l’acqua consente la regolazione termica dell’organismo;
  • l’acqua sembra possa ridurre il rischio di cancro ai reni, alla vescica e al colon;
  • l’acqua sembra possa contribuire a una più rapida guarigione in caso di cistite.

Fabbisogno di liquidi

L’organismo ha bisogno di circa 2 litri d’acqua al giorno. In determinate situazioni – vedi la rubrica “L'assunzione di liquidi e le alte prestazioni” – ancora di più. Il fabbisogno è coperto per circa il 20 percento dall’alimentazione – un po’ meno nel caso di chi ama la carne e i formaggi, un po’ di più nel caso di chi predilige frutta e verdura. Il restante 80 percento di liquidi deve essere assunto bevendo. Ancora meglio se sotto forma di acqua. Sono consigliati sia le tisane alle erbe o alla frutta che i succhi di frutta diluiti.

Valser: il dissetante ideale

Chi nel selezionare l’acqua minerale fa attenzione al valore aggiunto per la salute, riconosce i vantaggi dell’acqua Valser immediatamente. Valser copre il fabbisogno di liquidi e contiene inoltre preziosi minerali fondamentali per l’organismo umano. Valser tutela le caratteristiche proprietà positive in modo del tutto naturale, all’interno di uno stabilimento naturale: la montagna. L’elevato contenuto di minerali e oligolementi, in particolare calcio e magnesio, rende Valser un’acqua davvero preziosa.

Il piano per l'assunzione di liquidi

Preferibilmente si dovrebbe bere durante l’intero arco della giornata.

Anche quando ci si sveglia la notte, o la mattina presto, è consigliabile bere un bicchiere d’acqua.

Meno opportuno è bere subito prima, durante o subito dopo pasti abbondanti, poiché in questo modo i succhi gastrici dello stomaco vengono diluiti, il che può avere un effetto negativo sulla digestione.

Per questo la cosa migliore è assumere liquidi fino a mezz’ora prima dei pasti e almeno un’ora dopo, evitando di bere mentre si mangia, o bevendo poco.

Alcuni consigli su come aumentare il consumo d’acqua

  • Posizionare bottiglie d’acqua con un bicchiere nei punti strategici dell’abitazione.
  • Tenere sempre una bottiglia a portata di mano sul posto di lavoro. La sera la bottiglia deve essere vuota!
  • Tenere sempre una bottiglietta d’acqua in borsa, nella valigetta, nel borsone per lo sport.
  • Prevedere delle pause acqua anziché delle pause caffè!
  • La mattina appena alzati bere un grande bicchiere d’acqua. Tiepida o a temperatura ambiente, l’acqua favorisce la digestione!
  • Insieme a un espresso, un buon tè o un bicchiere di vino, bere sempre anche un bicchiere d’acqua.
  • Variazioni: Valser Classic, Valser Naturelle, Valser Viva nei quattro gusti diversi, Valser Classic o Naturelle con uno spruzzo di succo di limone o mescolata a succo di frutta.
  • Bere sempre un bicchiere grande di acqua prima di mangiare, meglio se mezz’ora prima.

Acqua e gusto

Pensate che l’acqua non abbia un gusto proprio?

Se si confrontano diverse acque minerali, si nota subito che: l’acqua non è una bevanda neutra; ciascuna acqua ha un proprio carattere; il singolo contenuto di minerali, acidi e zolfo influisce sul gusto; un consumatore medio nota le differenze, ma fatica a descriverle.

I professionisti invece lo sanno fare, e il loro palato allenato sente subito che l’anidride carbonica conferisce all’acqua una nota acida, il cloruro di sodio la rende salata, il calcio e il magnesio la rendono dura. L’idrogenocarbonato aggiunge una nota terrosa, mentre il solfato una sfumatura amara. Anche il tipo e la quantità di anidride carbonica influiscono sul carattere dell’acqua: naturale, leggera, gasata, da leggermente a molto frizzante. Inoltre: l’anidride carbonica non solo conferisce all’acqua un sapore più fresco, ma impedisce anche la proliferazione di microorganismi, rendendola conservabile più a lungo.

Bewegung

2° Pilastro: attività fisica

se vi muovete molto, sudate; questo è un fatto positivo, che non va inibito.

La perdita di liquidi durante l’attività sportiva dipende da:

  • intensità dello sforzo
  • clima e temperatura
  • età e sesso
  • metabolismo basale
  • durata dello sforzo
  • statura e peso corporeo
  • livello di allenamento e forma fisica
  • economia di movimento, tecnica, ecc...
  • ... e può arrivare anche a 2 litri all’ora.

Un esempio: con una corsa intensa di 10 chilometri il fisico perde circa 1 litro d’acqua. Durante una maratona di 42 chilometri si perdono già 4 litri, e un atleta di triathlon perde addirittura 20 litri!

Se non si reintegra la quantità di liquidi perduti bevendo, il fisico preleva ciò di cui ha urgente bisogno dai tessuti e dal sangue. Conseguenze: il sangue si addensa, i muscoli non ricevono più ossigeno a sufficienza e compaiono i crampi.

Già perdendo un litro di acqua le prestazioni calano. Da 2 litri in su calano anche le forze. Va da sé che l’apporto di acqua in quantità sufficiente per lo sport è imprescindibile.

A questo si aggiunge il fatto che l’organismo con il sudore non secerne solo acqua, ma anche sali minerali. Quindi non si tratta solo di bere molto, ma anche di bere il giusto, per esempio acqua ricca di minerali.

Bevande ideali per lo sport

  • Per sessioni di allenamento superiori a un’ora è dunque necessario avere sempre con sé qualcosa da bere. Una bibita sportiva ottimale contiene da 40 a 60 grammi a litro di carboidrati subito assimilabili e da 300 a 1000 milligrammi di sodio a litro, nonché altri sali minerali.
  • Chi preferisce non acquistare bibite isotoniche, può mescolare acqua minerale e succo di frutta in un rapporto 1:1 o 1:2 e ottenere così un’ottima bibita. Chi suda molto o suda a lungo, dovrebbe mescolare alla bibita preparata con acqua Valser circa mezzo grammo di sale per litro.
  • In caso di sessioni di allenamento brevi è sufficiente bere acqua minerale, per esempio l’acqua Valser. Poiché durante l’attività sportiva è consigliato bere molto, molte persone preferiscono l’acqua naturale a quella frizzante. L’acqua Valser in questo caso è particolarmente indicata grazie al contenuto di calcio e magnesio. Grandi quantità di anidride carbonica possono contribuire a causare l’acidosi del sangue e provocano inoltre una sensazione di pienezza e disagio a livello di apparato gastrointestinale; possono inoltre ostacolare gli sforzi intensi. Un’acqua naturale come Valser Naturelle è dunque molto indicata quando è necessario bere in quantità.
Entspannung

3° Pilastro: relax;

acqua ed energia.

Già da anni i pareri sono discordanti: l’acqua ha memoria? L’acqua si può energizzare? E questa energia può essere trasmessa agli esseri umani? L’acqua è in grado di ricordare di aver “visto” o “sentito” una molecola, come tanti rinomati scienziati affermano? L’acqua memorizza forse dati in strutture interne? Non si hanno ancora le prove scientifiche di tutto questo. Tuttavia mancano anche le controprove.

Quello che sappiamo per certo: Valser custodisce la forza elementare di acqua e roccia. L’acqua si concentra a 1000 metri di profondità e dopo almeno 25 anni, senza mai entrare in contatto con l’ambiente circostante, riemerge in superficie nella forma originaria più pura, in corrispondenza della fonte St. Petersquelle: cristallina, pulita, purificata e altamente mineralizzata.

L’acqua Valser scaturisce da giacimenti idrici sotterranei protetti e viene imbottigliata direttamente alla fonte. In questo modo si conservano tutte le sostanze minerali assorbite lungo il tragitto dalle materie prime naturali come la pioggia, la neve, la grandine e il gelo. Ogni sorso tonifica e al contempo rilassa. L’acqua Valser è naturalmente pura e fornisce all’organismo ciò di cui ha bisogno, senza appesantirlo.

Acqua e relax

Le corse da un appuntamento all’altro e le tante attività della vita quotidiana richiedono una certa calma, e la concentrazione sugli aspetti essenziali. È necessaria tanta energia, ma anche tranquillità, per non essere travolti dagli eventi. I tanti piccoli e grandi obblighi della vita quotidiana ci fanno consumare molta energia. Per tenere sotto controllo la situazione e ritrovare sempre la tranquillità, rilassarsi a intervalli regolari può essere di aiuto.

Del resto anche la pioggia, la neve e il gelo impiegano 25 anni per raggiungere la sorgente dell’acqua Valser allo stato puro, in qualità eccellente. Una sorgente nel cuore della regione montana dei Grigioni, luogo in armonia con l’anima, benefico tanto quanta l’acqua Valser per l’organismo. La composizione equilibrata di minerali e oligoelementi, infatti, favorisce la rigenerazione e contribuisce al rilassamento.

Inserite l’acqua Valser nel vostro personalissimo rituale rilassante! Perché l’acqua agisce non solo all’esterno, bensì può calmare i nervi proprio grazie ai minerali contenuti. Chi beve molto controlla meglio lo stress, mantiene la calma ed è meglio equipaggiato per affrontare la complicata e frenetica vita moderna.

Alcuni consigli per il relax quotidiano

La capacità di rilassarsi tra un impegno e l’altro non è una dote che tutti hanno dalla nascita. Si tratta anche in questo caso di un’abilità che richiede allenamento: non per niente si dice che la pratica porta alla perfezione! Per vivere a lungo in salute, mantenendo alte le prestazioni e salvaguardando tutta la propria vitalità, la capacità di rilassamento è indispensabile. “Fermarsi un istante” durante la giornata non è affatto difficile, e non richiede nemmeno tanto tempo. Ecco alcuni consigli per iniziare:

  • inspirate ed espirate a fondo alcune volte, consapevolmente e lentamente. Ancora meglio: fatelo davanti a una finestra aperta.
  • Bevete un bicchiere d’acqua a sorsi lenti, in tutta tranquillità, osservando nel frattempo qualcosa che abbia effetto calmante come una pianta o un quadro; oppure semplicemente guardate in lontananza.
  • Rilassate le spalle facendole ruotare, poi spingendole indietro e verso il basso, per aprire completamente torace e sterno.
  • Rilassate il viso, fate qualche smorfia concentrandovi sulle mandibole, gli occhi, la fronte.
  • Fate una piccola passeggiata all’aria aperta.
  • Se lavorate davanti a uno schermo sciogliete di tanto in tanto mani e dita estendendole, poi piegandole a pugno, scuotendole e facendole ruotare. Nel farlo guardate in lontananza concentrandovi: così facendo rilassate i muscoli dell’occhio e rigenerate la vista.
  • Concedetevi un automassaggio delle orecchie, che allontana la stanchezza e ridona slancio a corpo e spirito. Sfregate, massaggiate, premete sui lobi e sul padiglione, per stimolare i vari punti riflessi dell’orecchio.
  • E poi ancora una cosa semplicissima: siate attenti, siate consapevoli di ciò che state facendo, non cercate di sbrigare più faccende contemporaneamente e imparate, quando serve, a dire di no!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra